Siamo finalmente giunti ad Anahata, il quarto Chakra, quello del cuore. Situato esattamente al centro del petto, questo è il Chakra dell’unione. Esso infatti mette in comunicazione i Chakra inferiori relativi all’istinto ( primo, secondo e terzo ) con i Chakra superiori relativi alla coscienza superiore (quinto, sesto e settimo ).

Più esattamente possiamo affermare che il primo chakra ed il settimo, che nell’immaginario comune sono i più distanti tra di loro, in realtà sono comunicanti, come lo sono il secondo ed il sesto, ed il terzo ed il quinto. Il chakra dai dodici petali rappresenta l’Amore Universale.

  • Posizione: Al centro del petto
  • Funzione: Amore, umiltà, compassione, generosità, apertura al prossimo
  • Colore: Verde
  • Elemento: Aria
  • Senso: Tatto
  • Cristalli e pietre: Tutte le pietre verdi, in particolare Tormalina ed Avventurina
  • Mantra: Yam
  • Nota: Fa
  • Animale: Antilope


Anahata è il Chakra centrale, riguarda l’equilibrio e la compassione, ed è il punto di passaggio dalle energie più basse e istintive dei Chakra inferiori, alle energie più rarefatte ed elevate dei Chakra superiori. Il suo stesso simbolo, i due triangoli sovrapposti, uno col vertice verso l’alto (energia maschile) e uno col vertice verso il basso (energia femminile), rappresenta il centro, l’equilibrio e l’unione delle energie opposte, che per l’appunto sono situate nella zona centrale.
Tra l’altro, in sanscrito la parola Anahata significa “suono prodotto da due cose che non si colpiscono”, ciò rappresenta la dualità che incontrandosi, ma non scontrandosi, crea l’equilibrio perfetto.

Il mal funzionamento di questo Chakra può portare a disturbi psichici, quali solitudine ed asocialità, isolamento ed incapacità di amare se stessi ed il prossimo, fino al sopraggiungere di disturbi fisici, quali dolori al petto, disturbi cardiaci, pressione alta o bassa, disturbi respiratori, malattie polmonari, raffreddori ( il quarto Chakra è legato, infatti, anche ai bronchi ed ai polmoni ), dolori alla schiena, all’altezza delle vertebre toraciche, e dolori alle spalle.

Il modo migliore per mantenere aperto e bilanciato il quarto Chakra è utilizzare i cristalli ad esso associati, ovvero le pietre di colore verde (dallo smeraldo all’avventurina), durante una meditazione. È sufficiente appoggiare la pietra scelta sulla zona del cuore, mentre siamo sdraiati in posizione supina con la testa rivolta verso est, e meditare per il tempo che riteniamo necessario.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi le ultime novità direttamente nella tua email. Informazioni, corsi e molte altre cose utili che riguardano l'energia in tutte le sue forme!